Incontro di Studio su “Rientrare dal male con la misericordia di Dio”

Il 19 novembre si è tenuto l’incontro di studio sul tema “Rientrare dal male con la misericordia di Dio”, proposto dall’istituto di Teologia dogmatica. Si potrebbe dire “posti esauriti”, poiché la piattaforma zoom ha registrato il massimo degli utenti a disposizione, toccando quota 100.

L’introduzione è stata curata dal direttore dell’istituto di Teologia dogmatica, don Kevin Mwandha, che ha presentato il programma dell’incontro e i due relatori invitati a curare il tema proposto: il prof. Amarante Alfonso, Preside dell’Accademia Alfonsiana, e la Prof.ssa Messana Cinzia, docente di “Psicologia della personalità” presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione e direttrice della Scuola Superiore di Specializzazione in Psicologia clinica.

Il primo intervento, curato dal prof. Amarante dal titolo “Il dialogo sacramentale e l’apertura al bene comune”, si è concentrato sul concetto di bene comune da costruire ed educare a partire da un “noi comunionale”, rifiutando ogni chiusura individualistica ed egoistica, tipica del nostro contesto culturale; in questa formazione al bene comune, il sacramento della riconciliazione diventa una via privilegiata per educare le coscienze al riconoscimento di tale logica di reciprocità.

Il secondo intervento, curato dalla prof.ssa Messana Cinzia e dal titolo “Perdono e Compassione. Un approccio psicologico”, ha trattato del tema dell’autocompassione come possibilità di riconciliarsi e rientrare dal male, riconoscendo la gentilezza verso di sé, l’esperienza umana del limite condivisa e la consapevolezza come componenti fondamentali di tale autocompassione.

Dopo un momento di domande e condivisione, si è avviata la II parte dell’incontro dedicata alla presentazione del volume del prof. Carlotti Paolo, “Confessori e penitenti oggi. Elementi di teologia morale e pastorale”, in cui hanno dato il loro contributo i due relatori; nella conclusione, invece, il prof. Carlotti si è soffermato brevemente sul tema dell’amore di Dio senza limiti e su quello della continuità/discontinuità tra il Magistero di Papa Francesco e Papa Giovanni Paolo II, lasciando questi due temi come pensieri che lo hanno guidato nel cammino di questo scritto.

Nonostante le limitazioni imposte dalle norme sanitarie, certamente la grande presenza di studenti, docenti e amici della nostra Facoltà e la presentazione di un tema tanto delicato e attuale hanno dato la possibilità di vivere un bel momento non solo di studio ma anche di scambio e di famiglia, con l’auspicio di poter svolgere il prossimo incontro ben più “dal vivo”.

Simoncelli Francesco Giuseppe sdb